Postato da Anaquitamanchas | Una delle domande principali che ci facciamo quando si acquista qualcosa di nuovo è se scolorirà nel lavaggio o no. Soprattutto quando i capi hanno dei colori forti. Come si può controllare? È meglio lavare la prima volta a mano … Ed è in questo momento che possiamo controllarlo, in base a come vediamo l’acqua. Invece, a volte, ci capita di ritirare il bucato che avevamo lasciato qualche ora ad asciugare al sole e vediamo che ha perso un po ‘di colore … Che cosa è successo?

Ciò che influisce e cambia il colore degli abiti è la luce, i prodotti che usiamo per lavare e … il sudore

Cosa cambia il colore dell’abbigliamento? 

È difficile sapere a prima vista se il colore dei vestiti andrà perso nei primi lavaggi o dopo molto tempo. Un colorante è buono quando resiste a:
  • Luce e altri agenti atmosferici.
  • Le sostanze chimiche che usiamo per lavare, che possono essere acidi o alcali. Nelle fibre animali e proteiche come la lana, è meglio non usare alcali – bicarbonato, perossidi ecc. – e se vengono usati, sempre diluiti e senza sfregamento. D’altra parte, con la cellulosa, si possono usare candeggine, a condizione che siano abbondantemente sciacquate. Con l’acetato , l’acetone non dovrebbe mai essere usato perché lo scioglie. Tutte le fibre sintetiche sono più resistenti agli smacchiatori.
  • I solventi organici: se dobbiamo smacchiare con un po ‘di solvente organico proveremo sempre prima su un orlo, non strofinare mai il capo, ma tamponeremo la macchia con un panno di cotone bianco. Ad esempio, i solventi a base di ossido possono danneggiare irreversibilmente le fibre naturali e la cellulosa rigenerata, poiché hanno un pH molto acido.
  • La sudorazione – a causa delle sostanze acide e basiche che contiene – può causare la perdita di colore nelle diverse aree dell’indumento. Il sudore o la traspirazione è un liquido acido (valore pH = 4,5) ed è composto da acqua, cloruro di sodio, urea e acido urico, che possono causare una perdita di colore negli indumenti scuri. Soprattutto colpisce i tessuti che sono sensibili agli alcalini , e formano delle macchie chiare o scolorite o cambiamenti di tonalità.
  • Si può anche perdere il colore per un cattivo lavaggio, sia con la scelta di alte temperature, quindi è sempre meglio lavare gli indumenti colorati a basse temperature, o scegliendo un detergente non adatto; per esempio se usiamo per bucato colorato un detersivo per capi bianchi. Poiché i detersivi per il bucato contengono candeggina, a poco a poco il colore scompare nei lavaggi successivi.

Il sole rimuove il colore degli indumenti?

  • Ora parliamo del sole e di altri agenti atmosferici, ad esempio, l’umidità e il calore che gonfiano le fibre in modo tale che a volte le catene molecolari vengono separate e i gruppi reattivi sono esposti a reagire con il colorante.
  • La luce ultravioletta rende il bianco più luminoso, questo effetto è sfruttato dagli sbiancanti ottici che riflettono la luce ultravioletta e rendono i vestiti più bianchi. Questi raggi sbiancano il cotone e il lino.
  • Il sole scolorisce i vestiti colorati e rovina le fibre sintetiche e la lana. Se appendiamo i vestiti colorati all’aria per asciugarli, è meglio metterli all’ombra. In ogni caso sempre per un breve periodo, perché altrimenti i vestiti si seccano molto e quindi la stiratura è difficile.

Come si controlla se il colore di un capo è solido? 

  • Solidità nella smacchiatura: porre sotto il tessuto, in una parte non visibile, un asciugamano bianco. Applica lo smacchiatore, stenderlo. Controllare se il panno bianco è stato tinto, se non è stato tinto è solido.
  • Resistenza al lavaggio: bagnare il tessuto in acqua calda e 10 g / l di detergente, spremere il tessuto e controllare come è l’acqua. Se è colorata con il colore del capo, il colorante non è solido.
  • Resistenza allo sfregamento nell’umido:strofinare il tessuto in una parte poco appariscente con un panno di cotone bianco diverse volte. Se rimane bianco, il colorante è solido.
Recommended Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.