TRADOTTO DA Camilla Capitani | Le circostanze in cui si è svolta questa intervista sono state casuali tanto quanto la creazione di questo blog: improvvisa, inaspettata e, quel che è peggio, non sapevo dove mi avrebbero portato. Ero passata a trovare la mia amica Antonieta Salvatierra e le spiegai che avevo messo in carica la fotocamera e che di lì a una mezz’ora mi sarei messa sulle tracce di Etsuro Sotoo, lo scultore che per tutta la vita ha seguito la scia di Gaudí. Avevo saputo che quel pomeriggio avrebbe tenuto una conferenza sulla bellezza all’ Auditorium di Roma. Anto è venuta con me, senza pensarci su. La fretta è una costante delle nostre vite e può essere deleteria . Quel pomeriggio non è stato diverso. Avremmo potuto parlare molto di più ma anche lui non aveva tempo.

E cosa può dire uno scultore dei lavori domestici?

Tanto per cominciare li ha definiti, con semplicità: “Sono la cosa più importante, la base di tutto” ha aggiunto implacabile ma non mi è bastato, bisognava proseguire la conversazione. E’ offensivo cercare di dare un prezzo ai lavori di casa. Mesi fa ho visto in televisione questo stesso scultore che ora mi sta davanti, dichiarare: “ L’intelligenza di Gaudí fu obbedire”. Sorprendente contrasto di termini, soprattutto se usati proprio per definire la mente geniale di un artista., perché questo era e continua ad essere Gaudí. Sotoo non lo ha mai perso di vista e forse per questo riesce a riflettere in modo così particolare su qualsiasi tema gli venga proposto.

Perché pensa che i lavori domestici siano la cosa più importante e la base di tutto?

“La gente, l’economia mondiale impiegano le loro energie a calcolare entrate e uscite, perdite e guadagni ma quello che ci interessa di più nella vita non può essere paragonare a tutto il denaro del mondo. Non è né banale né ovvio quello che dico, è semplicemente reale”. Da qui la sua trasparenza nello spiegare: “I lavori di casa fanno parte di queste realtà incalcolabili. A me sembra offensivo pretendere che le ore passate a mandare avanti una casa vengano riportate in termini di guadagno. Neanche se mettessimo insieme tutto il denaro del mondo potremmo ripagare questo lavoro, perché come fai a calcolare l’impegno che una madre ci mette nel preparare un pasto? E’ impossibile valutare i sacrifici che questi compiti comportano giorno dopo giorno. Sono troppe le persone che mandano avanti le cose come se dovessero essere pagate ”.

I benefici del lavoro domestico

“Una scultura può essere valutata e il suo valore ha un limite, con i lavori di casa è diverso, per me è impossibile attribuirgli un prezzo. Un economista controlla quello che entra e quello che esce. Per chi si occupa dei familiari, nella propria casa, come si inquadrano i benefici? Penso che il mondo dovrebbe funzionare come una grande casa. Magari”.

Potere versus sacrificio

“Non so se ci hai mai pensato però in una casa il concetto di potere non esiste ma esiste il concetto di sacrificio, chi si sacrifica di più ottiene di più”.

Chi fa i lavori domestici a casa sua

“Tutti e due. Il sabato faccio io la spesa, vado al supermercato. A casa il mio lavoro consiste nella preparazione: cerco tutto quello che può servire a mia moglie, pulisco le zone che utilizzerà, dopo lei controlla e prende le decisioni finali”.

Ciò che serve per far funzionare bene una casa è: “Pazienza, serenità e armonia”.

Recent Posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.